Hai delle domande sul mondo della domotica smart?

Abbiamo raccolto qui di seguito tutte le domande più comuni che ci vengono poste relative alla domotica smart e al suo funzionamento.
Se hai bisogno di ulteriori informazioni o non trovi la domanda che soddisfa la tua curiosità, non esitare a contattarci, avrai la risposta più chiara possibile!
1Cos'è la domotica smart?
La domotica smart è il futuro della domotica che tutti conosciamo, che permette tramite sensori, lampadine, prese, telecamere e molti altri prodotti di automatizzare in modo intelligente molte operazioni, inoltre grazie alla tecnologia a disposizione sarà possibile controllarla da APP o semplicemente vocalmente anche quando si è lontani da casa.
2Ma è possibile fare l'impianto di domotica smart su tutte le case?
Certamente! Abbiamo a disposizione tutti gli strumenti e prodotti per effettuare un impianto di domotica smart in qualsiasi casa, di qualsiasi età e qualsiasi dimensione. L'unico requisito necessario è una connessione ad internet per il controllo remoto.
3Come funziona? Dovrò fare lavori di muratura?
Con la domotica smart non avrai bisogno di alcun intervento invasivo di muratura, tutto il sistema funziona tramite una tecnologia Wi-Fi studiata e creata appositamente, che permette di evitare qualsiasi cavo superfluo.
4Quindi funzionando tramite Wi-Fi è sicuro?
Si, gli impianti usano la tecnologia Wi-Fi Ultra Low-Power, lavorano ad una frequenza bassissima che non crea ne interferenze ne disturbi, inoltre grazie al basso consumo energetico eventuali dispositivi a batterie possono durare molto più a lungo.
5Posso fare anche impianti parziali e poi estenderli?
Certamente! Gli impianti di domotica smart comunicano con uno standard di connettività chiamato Matter, e permette di estendere gli impianti in ogni momento aggiungendo altri dispositivi anche di brand diversi. Non ci sono limitazioni alla fantasia.
1Funziona Wireless o ha bisogno di Cablatura?
I sistemi di domotica smart lavorano tutti in wireless, sfruttano il sistema di comunicazione Matter e per la gran parte dei dispositivi la connessione è Wi-Fi Ultra Low-Power
2Cos'è la connessione Wi-Fi Ultra Low-Power?
Questo tipo di connessione è un sistema adottato nella domotica smart per risparmiare sul consumo energetico nel caso di prodotti a batterie e nel frattempo abbassando al frequenza di funzionamento, si ha maggiore portata e interferenze nulle
3Matter? Che cos'è?
Matter nasce nel 2019 con il nome di CHIP, acronimo che significa Connected Home Over IP, ovvero casa connessa tramite IP. L’obiettivo è semplice: creare uno standard utilizzabile da chiunque e facilmente integrabile. In questo modo i produttori non devono più spendere risorse per rendere compatibili i propri dispositivi con l’uno o l’altro protocollo, ma possono usare il protocollo Matter, concentrandosi invece sullo sviluppo di prodotti più funzionali e soprattutto utili.

Matter infatti, è uno standard open-source sviluppato da oltre 200 aziende sfruttando le tecnologie già a disposizione e approvato dalla CSA (Connectivity Standards Alliance) prima Zigbee-Alliance, di cui fanno parte alcuni degli esponenti delle più grandi aziende tech, come Ikea, SmartThings, Amazon, Google, Huawei, Apple, solo per citarne alcune.

Per la configurazione di un dispositivo Matter saranno necessari una rete Wi-Fi e un dispositivo di controllo compatibile, che può essere lo smartphone, il tablet o il HUB Thread. Il dispositivo potrà però essere configurato in maniera ancora più semplice in quanto il protocollo Matter integra il sistema di gestione senza frustrazione con gli altoparlanti Echo di Amazon e Google Home.
4Thread di Matter cos'è?
Thread, un protocollo radio creato da Nest e altre aziende a partire dal 2014. Thread ha numerosi vantaggi rispetto ad altri protocolli radio attualmente in uso.

È più veloce: ciò significa maggiore reattività dei dispositivi ai vari input. Un allarme per porte e finestre segnalerà la sua attivazione in appena un millisecondo, contro il secondo circa attuale. Ciò porta a una maggiore affidabilità e reattività di dispositivi smart che in passato non sempre si sono comportati come dovevano.

È stato creato appositamente per soddisfare le esigenze della casa intelligente. Non si tratta infatti di una mera integrazione, ma di un sistema di comunicazione creato ad hoc. Non è qualcosa di adattato, che porta a risolvere solo parzialmente un problema, ma un abito sartoriale, che prende esattamente le forme di chi lo indossa, ovvero noi e la nostra casa.

È più affidabile: eventuali scollegamenti dell’HUB di gestione non comportano alla disattivazione della rete, che invece è in grado di sistemarsi in maniera autonoma con un numero di dispositivi connessi sufficiente.
5Si possono realizzare impianti di domotica con prodotti di marche diverse?
Certamente! Grazie al sistema di comunicazione Matter, tutti i dispositivi di vari produttori possono lavorare assieme senza creare alcuna incompatibilità, lasciando maggiore possibilità di scelta dei singoli componenti.
6Funzionano con Alexa e Google Home?
Certamente! Tutti gli impianti di domotica smart funziona sia con Alexa che Google home, per poter essere comandati vocalmente.Questo però non è un passaggio obbligatorio, si può adottare una domotica smart senza alcuna interazione degli smart speaker, sfruttando tutti i sensori a disposizione offerti dai vari brand.
7E se internet non funziona?
Non c'è da preoccuparsi, grazie al sistema Matter si potrà lavorare in locale e quindi tutti i servizi di domotica andranno ugualmente. L'unica limitazione è che non sarà possibile controllare fuori casa il proprio impianto di domotica.
1Ho una casa di grande dimensioni posso realizzarlo ugualmente?
Certamente. non ci sono limitazioni nella dimensione della casa, grazie al sistema Thread di Matter , viene creata una rete mesh tra i vari componenti, quindi ogni dispositivo è ricevente ma anche emittente di segnale, in questo modo non c'è il problema del posizionamento del hub base.
2Hub? Cos'è?
L'hub è il dispositivo principale della domotica smart (la centralina che controlla tutto). Grazie a lui è possibile attivare il sistema di comunicazione Matter e quindi avere tutti i dispositivi che comunicano tra loro.
3Quindi devo avere obbligatoriamente un Hub?
Al 90% delle volte si è consigliato. Non è necessario se la casa è coperta bene dal Wi-Fi di internet e se i dispositivi da collegare sono sotto ai 10 in totale. Altrimenti è raccomandato l'uso di un Hub di comunicazione.
4Ho bisogno di fare lavori a casa per installare un impianto di domotica smart?
No, gli impianti di domotica smart non richiedono invasivi lavori di edilizia, grazie al sistema wireless, non sarà necessaria nessuna cablatura e quindi non saranno necessarie traccie sui muri.
5Quanto tempo serve a farlo?
Il tempo di realizzazione cambia in base ad ogni contesto come ad esempio dimensioni dell'impianto, numero di prodotti smart, tipi di interazione /automazioni tra loro e molto altro. Di norma tra studio fattibilità e realizzazione ci vogliono circa 4-5 giorni lavorativi.
6Quanto costa un impianto di domotica smart?
Trattandosi di un impianto molto modulare, non possiamo dare un prezzo definito. Ci sono troppi varianti in gioco, però possiamo garantire che rispetto ad un impianto di domotica "classico" si può risparmiare notevolmente.Contattaci per avere un sopralluogo ed il preventivo fatto su misura per te!

Esempi di Domotica Smart